Rassegne stampa - Associazione scrittori Bolzano

Vai ai contenuti

Menu principale:

Alto Adige 10 ottobre 2016

La settimana letteraria dedicata ai libri «bolzanini»
Al Circolo Cittadino sul palco ogni giorno quattro soci dell’Associazione Scrittori Bolzano
BOLZANO. Inizia oggi e prosegue con appuntamenti quotidiani fino a sabato 15 ottobre «La settimana dello scrittore», organizzata dall’Associazione Scrittori Bolzano. Di cosa si tratta? Una vetrina per alcuni scrittori locali, riuniti appunto nel sodalizio organizzatore che, nato un anno fa, annovera già una quarantina di iscritti, ovvero scrittori di Bolzano e dintorni. Da oggi a sabato, nella sala del Circolo Cittadino in via Grappoli 2, ogni giorno quattro scrittori iscritti all’associazione presenteranno al pubblico, in incontri aperti al pubblico a ingresso libero e informali, le loro opere letterarie. Dalle ore 17 alle 19 (oggi s’inizia alle 16.30 con una breve cerimonia inaugurale), per mezz’ora a testa, si alterneranno sul palco, con l’intermezzo musicale proposto al pianoforte dal maestro Ennio Cassetti; cambia l’orario solo nella giornata conclusiva, sabato 15, quando l’appuntamento al Circolo Cittadino sarà la mattina, dalle 9.30 a mezzogiorno. A introdurre il primo incontro, sarà il direttore del quotidiano Alto Adige, Alberto Faustini. Ecco il calendario e i nomi. Oggi: Vito Mastrolia (nella foto), Giorgio Dobrilla, Celestina Avanzini e Maurizio Ferrandi; domani Bruna Dallago Veneri, Pietro Marangoni, Franca Carol e Francesco Comina; mercoledì 12 Luca D’Andrea, Loredana Reppucci, Elio Cirimbelli e Alberto Sulligi; giovedì 13 don Paolo Renner, Umberto Montefiori, Marina Manganaro e Sergio Camin; venerdì 14 Ettore Frangipane, Franca Valenti, Carlo Romeo e Reinhard Christanell; sabato 15 Arnaldo Loner, Riccardo Dello Sbarba, Guido Rispoli e Renzo Caramaschi.


Alto Adige 17 giugno 2016
Associazione Scrittori, primi allori
 
Premi a Frangipane e Caramaschi, e intanto i soci membri salgono a quota 31.
BOLZANO. L’Associazione Scrittori a Bolzano, nata pochi mesi fa, per iniziativa condivisa di 10 intellettuali altoatesini (Bruna Dallago Veneri, Ettore Frangipane, Giorgio Dobrilla, Renzo Caramaschi, Alberto Pasquali, Maurizio Ferrandi, Vito Mastrolia, Alberto Sulligi, Guido Rispoli, Sergio Camin), si sta piano piano mettendo in mostra nel mondo culturale provinciale.
Intanto la neo-costituita associazione annovera 31 associati, persone tutte note nell’ambiente bolzanino, ma annovera i primi successi a livello nazionale, Renzo Caramaschi si è piazzato al posto d’onore nel concorso internazionale Rigoni-Stern, svoltosi a Riva del Garda, per il suo romanzo “Di gelo e di sangue” (teatro la I guerra mondiale), che ha ottenuto già successo nell’ambito provinciale.
Ettore Frangipane, noto per le sue puntate su “Bolzano scomparsa” si è piazzato al II posto nel premio “Il Narratore”, la cui premiazione è avvenuta il 24 aprile u.s. a Milazzo (Messina), per il suo romanzo “Garibaldi allo Stelvio”.
L’associazione, guidata da Vito Mastrolia, intende organizzare un Concorso Letterario con la fattiva collaborazione della Dante Alighieri, dell’UPAD e della Biblioteca Provinciale "Claudia Augusta". E’ stato già approntato il Regolamento del concorso, che dovrebbe concludersi, una volta garantito il finanziamento da parte della Provincia, e di eventuali sponsors privati entro dicembre 2017.
Al momento dell’associazione fanno parte i seguenti scrittori: Frangipane Ettore, Caramaschi Renzo, Pasquali Alberto, Ferrandi Maurizio, Dobrilla Giorgio, Camin Sergio, Rispoli Guido, Dallago Brunamaria, Sulligi Alberto, Mastrolia Vito, Ragazzoni Achille, Bianchetti Claudio, Romeo Carlo, Montefiori Umberto, Christanell Reinhard, Avanzini Celestina, Valenti Franca, Clamer Giulio, Mariani Giancarlo, Carol Franca, Pozza Andrea, Cagnan Paolo, Reppucci Loredana, D’Apice Giovanni, Dello Sbarba Riccardo, Lettieri Michele, Loner Arnaldo, Sironi Marta de Chiusole, Comina Francesco, Marangoni Pietro, Cirimbelli Elio.


Alto Adige 08 novembre 2015
Grazie a dieci autori nasce l’Associazione scrittori
L’iniziativa serve a promuovere la cultura e la produzione letteraria a Bolzano In programma diversi eventi per avvicinare i giovani al mondo dei libri.

BOLZANO. È stata presentata ieri l’associazione degli scrittori di Bolzano, con sede in Via Firenze, 17 presso la sede dell'Upad, da un’idea dall’avvocato Alberto Pasquali che ha raccolto attorno a sé amici e colleghi scrittori.
«L'associazione - si legge nel comunicato - è nata su iniziativa di dieci amici: Bruna Dallago Veneri, Sergio Camin, Renzo Caramaschi, Giorgio Dobrilla, Maurizio Ferrandi, Ettore Frangipane, Vito Matrolia, Alberto Pasquali, Guido Rispoli, Alberto Sulligi. Gli obbiettivi dell’associazione sono la diffusione della cultura, in particolare alla cultura letteraria a Bolzano e in Alto Adige; la valorizzazione degli scrittori locali, una posizione solidale nei confronti delle editorie e delle librerie, una disponibilità a collaborare con gli enti culturali pubblici e privati. Gli otto fondatori presenti alla presentazione si sono impegnati a prendere al più presto iniziative culturali al servizio dei cittadini.
 
«L’associazione è nata perché ciascuno di noi scrive libri ma ciascuno va per con conto proprio non avendo una coesione siamo dispersi e non riusciamo a fare massa ed essere quindi un punto di riferimento per la cultura in questa città». A parlare è Ettore Frangipane giornalista e scrittore e disegnatore, conosciuto al pubblico bolzanino, fra l’altro, per le sue collaborazioni con il nostro giornale e per la serie di libri “Bolzano scomparsa” dove ha raccolto estratti delle cronache cittadine tra il 1850 e 1950.
 
«La voltontà è quella di diffondere una maggior consapevolezza della letteratura italiana e della produzione locale, attraverso iniziative di vario genere, in coordinazione con la Provincia e dell'ente pubblico e con i lettori.
 Appena nata, l’associazione, ha subito raccolto il plauso delle istituzioni, in particolare dall'assessore Tommasini che ha proposto alla neo-costituita associazione di avviare progetti presso le scuole: «Io ho fatto la proposta di indire a scuola un concorso per racconti scritti dai ragazzi che potrebbero essere vagliati da una giuria costituita da “noi esperti”con la possibilità di indirizzare degli adolescenti a scrivere e saremmo noi collaborare alla loro promozione, potrebbero intervenire accanto a noi o oltre di noi, insomma l’associazione potrebbe aprire la strada anche adaltre persone. Un’altra possibilità è collaborare continuativamente con l’iniziativa della Provincia “Segnalibro” che attualmente promuove letteratura locale. La gente ha fame di queste iniziative e speriamo che con l’associazione possano esservene sempre di più».
 
Torna ai contenuti | Torna al menu